Solstizio del Terrore

Presagi oscuri hanno invaso i Reami Mortali come una pestilenza. L’ora dei dannati si avvicina. Quando inizia il Tempo delle Tribolazioni, le armate dei vivi si uniscono contro un nemico comune: la marea crescente della nonmorte.

La Campagna Solstizio del Terrore è giunta al termine, e le conseguenze delle tue scelte rimarranno incise nella storia dei Reami Mortali per sempre. Per consultare i risultati completi della campagna clicca sul pulsante in basso, e torna ogni settimana per leggere due nuovi racconti gratuiti ambientati nell’epoca dei Cattivi Presagi.

Riepilogo della Campagna

Mentre una pletora di cattivi presagi si diffondeva nei Reami Mortali, i governanti delle terre distrussero gli oppositori e uccisero chi parlava di fine imminente. Le inquiete ombre scatenate da queste empie gesta portarono con sé migliaia di segreti, e così evocarono Lunaghast, la Luna degli Oscuri Segreti, dalla sua orbita casuale fino a Shyish. Alcuni dissero che Lunaghast fosse lo spettro di un antico planetoide di warpietra giunto a banchettare con i peccati dei mortali, altri che fosse la mitica Luna Kattiva dei pelleverde, e altri ancora urlarono i propri segreti al cielo nella speranza di ottenere in cambio rivelazioni.

Nagash fu lieto di vedere la morte di così tanti profeti, e la sua Grande Opera continuò di gran carriera, ma aveva bisogno di altro tempo. Destò la Nebbia Rossa, una maledizione spirituale distillata dai suoi aldilà più violenti, e tramite i Fuochi Abissali la inviò a devastare Aqshy. Questo gesto attirò lord Korghos Khul e la sua fortezza sferica, l'Orb Infernia, fluttuò bassa sulla Grande Siccità. Solo collaborando le razze di quella terra riuscirono a costruire una superarma in grado di distruggere il globo, un cannone cronomantico che rispedì la roccaforte a uno stato dell'esistenza precedente, quando era ancora dilaniato dalla guerra.

La grande impresa cronomantica proiettò onde temporali di cui Nagash si appropriò prontamente. Shyish è la Fine di Tutte le Cose, incluso il tempo, e usando una porzione della realmstone che aveva faticosamente ammassato, egli riuscì a materializzare quella verità in una grande sfera mangiatempo chiamata Vuoto Nero. Le armate che avevano contrattaccato Shyish nella speranza di saccheggiare Nagashizzar si ritrovarono letteralmente a perdere tempo, man mano che secondi, poi minuti e infine ore venivano sottratti loro per ampliare la Grande Piramide Nera. Quando Nagash fece scattare la sua trappola, e una significativa parte degli occupanti furono gettati nell'aldilà conosciuto come la Grande Segreta, tutto sembrò perduto. Tuttavia, il Sommo Necromante aveva sottovalutato la risolutezza delle razze mortali. Combatterono tanto duramente in quella prigione che non solo riuscirono a fuggire, ma anche a liberare le anime di numerosi eroi incarcerati dell'Età del Chaos, del Mito e persino di ere precedenti.

Nonostante questa grande vittoria, il grande rituale cosmologico di Nagash si avvicina a compimento. Forse tutto ciò di cui ha bisogno per riuscirci è solo un altro po' di tempo...